L’imperativo

L’imperativo si usa in italiano per dare ordini, compiti, consegne da svolgere, e anche consigli in maniera informale / non formale.
L’imperativo si usa soprattutto con il tu e con il voi, come nella ricetta del tiramisù.

Esempi:
“Chiudi la finestra” / “E Lei chiuda la porta!” / “Bambini, mangiate tutto e poi fate i compiti”.

Ecco l’imperativo dei verbi regolari:

Parl-are cred-ere dorm-ire fin-ire
2 parl-a cred-i dorm-i fin-isc-i
3 parl-i cred-a dorm-a fin-isc-a
1 parl-iamo cred-iamo dorm-iamo fin-iamo
2 parl-ate cred-ete dorm-ite fin-ite
3 parl-ino cred-ano dorm-ano fin-isc-ano

L’imperativo dei verbi irregolari, come ANDARE, AVERE, DIRE, ESSERE, FARE, SAPERE,ecc., è diverso e presenta particolarità per ognuno di questi verbi:

AVERE ESSERE SAPERE ANDARE DARE DIRE FARE STARE
2 abbi sii sappi va’/vai da’/dai di’ fa’/fai sta’/stai
3 abbia sia sappia vada dia dia faccia stia
1 abbiamo siamo sappiamo andiamo diamo diamo facciamo stiamo
2 abbiate siate sappiate and-ate date dite fate state
3 abbiano siano sappiano vadano diano dicano facciano stiano

Il modo imperativo prende le sue forme dall’indicativo (2a persona singolare e 1a e 2a persona plurale, tranne che alla 2a persona singolare dei verbi in – ARE, quindi della prima coniugazione), e dal congiuntivo presente (3a persona singolare e plurale) per l’imperativo di cortesia.

Es.: “Parla!” / “Venga!” / “Ascoltiamo!” / “Uscite!” / “Mi scusino”.

Alla forma negativa l’imperativo è preceduto dalla negazione NON, tranne alla 2a persona singolare, caso in cui non solo è preceduto da NON, ma è anche sostituito dall’infinito del verbo.

Es.: “Non parlare!” / “Non ci vada!” / “Non ridiamo!” / “Non uscite!” / “Non si offendano”.

Il pronome è usato in forma enclitica con l’imperativo, tranne nel caso del pronome di 3a persona plurale LORO (particolarità dei verbi pronominali: anche con la 2a persona singolare e con la 1a e 2a persona del plurale si possono incontrare più forme, es.: “Non lo fare!” = “Non farlo!” / “Non alziamoci!” = “Non ci alziamo!” / “Non alzatevi! = “Non ci alziamo!”; in questo caso bisogna far attenzione alla posizione del pronome, enclitico o meno).

Es.: “Prendilo!” / “Parlategli” / “Ascolta loro!”.

Assistiamo a un raddoppiamento della consonante nel caso dei verbi monosillabici seguiti dal pronome enclitico all’imperativo (tranne con GLI).

Es.: “Dammi qua!” / “Stammi bene!” / “Fammi un piacere…” / “Dimmi tutto!” / “Vacci vicino” / “Digli di partire!”.

Infine, cliccando qui potrete trovare una breve canzone per bambini con verbi all’imperativo: ascoltate la canzone e leggete il testo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>