Il passato remoto

Il passato remoto indicativo indica un’azione lontana nel passato e conclusa, finita; in genere indica un fatto storico, che non ha più legami cronologici col presente, oppure un evento che non ha legami psicologici col presente.

Es.: Dante Alighieri nacque nel 1256
Pietro passò tre anni a Palermo

Il passato remoto in italiano può essere regolare oppure irregolare.

Ecco qui degli esempi di coniugazione di alcuni verbi regolari (ma i verbi della seconda coniugazione, in -ERE, possono avere una coniugazione alternativa) al passato remoto:

STUDIARE TEMERE PARTIRE
io studiai io temei (temetti) io partii
tu studiasti tu temesti tu partisti
lui – lei studiò lui – lei temé (temette) lui – lei partì
noi studiammo noi tememmo noi partimmo
voi studiaste voi temeste voi partiste
loro studiarono loro temerono (temettero) loro partirono

 

Molti verbi in -ERE hanno il passato remoto irregolare alla 1ª e alla 3ª persona singolare, e alla 3ª persona plurale; alcuni verbi (VENIRE, ESSERE, BERE, DARE, DIRE, FARE, STARE…) sono completamente irregolari al passato remoto.
Ecco alcuni esempi di coniugazione irregolare:

AVERE ebbi, ebbe, ebbero LEGGERE lessi, lesse, lessero
BERE bevvi, bevesti, bevve, bevemmo, beveste, bevvero METTERE misi, mise, misero
CHIEDERE chiesi, chiese, chiesero NASCERE nacqui, nacque, nacquero
CONOSCERE conobbi, conobbe, conobbero PIANGERE piansi, pianse, piansero
CORRERE corsi, corse, corsero SAPERE seppi, seppe, seppero
CRESCERE crebbi, crebbe, crebbero SCRIVERE scrissi, scrisse, scrissero
DARE diedi, desti, diede, demmo, deste, dettero
STARE stetti, stesti, stette, stemmo, steste, stettero
DECIDERE decisi, decise, decisero VEDERE vidi, vide, videro
DIRE dissi, dicesti, disse, dicemmo, diceste, dissero VENIRE venni, venne, vennero
ESSERE fui, fosti, fu, fummo, foste, furono VIVERE vissi, visse, vissero
FARE feci, facesti, fece, facemmo, faceste, fecero VOLERE volli, volle, vollero
Passato remoto irregolare

Passato remoto di ESSERE e AVERE

 

L’uso del passato remoto è proprio di un registro tecnico (la storia, l’arte, l’architettura) e alto. Questo tempo è usato quindi soprattutto nei libri, ma anche in alcune regioni del centro e del sud Italia; nel nord Italia e nel parlato è sostituito – e sempre più spesso – dal passato prossimo (che dovrebbe invece indicare un’azione passata recente, che abbia ancora legami col presente).

Esiste anche una forma composta per indicare anteriorità al passato remoto: il trapassato remoto.

 

Il passato remoto

Il passato remoto

Prima di fare il quiz, potete ascoltare La canzone di Marinella di Fabrizio De Andrè, scritta quasi completamente al passato remoto, e Alla fiera dell’est di Angelo Branduardi. Buon ascolto!
Potete anche esercitarvi con la lettura di Un brano di Argento vivo al passato remotoBuona lettura!

Il passato remoto

Inizio
Congratulazioni - hai completato Il passato remoto. Hai totalizzato %%SCORE%% su %%TOTAL%% La tua performance è stata valuatata come: %%RATING%%
Your answers are highlighted below.
Ritorno
Gli elementi ombreggiati sono completi
12345
FIne
Ritorno

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>