Il congiuntivo

Il congiuntivo in italiano è usato anche in frasi indipendenti (“Sia il benvenuto!”, “Abbi coraggio!”, ecc.), ma prevalentemente in frasi subordinate.

Il modo congiuntivo è usato per esprimere azioni INCERTE, IPOTIZZABILI, DUBBIE, SOGGETTIVE, DESIDERATE.
Nella pratica lo troviamo quindi dopo verbi che esprimono opinione, dubbio, ipotesi:
PENSARE, CREDERE, RITENERE, TEMERE, SEMBRARE, PARERE ecc. + CHE.
Troviamo (o possiamo trovare) il congiuntivo anche dopo le espressioni AFFINCHé, SENZA CHE, PERCHé, IN MODO CHE, SEBBENE, SE, PRIMA CHE, PIù / MENO DI QUANTO, TRANNE, ECCETTO, PER QUANTO, ecc.

Es.
PARE CHE gli italiani PRESTINO attenzione all’apparenza.
CREDO CHE tu SIA nel giusto.
SEBBENE il numero più elevato di interventi VENGA REALIZZATO negli Stati Uniti…
PER QUANTO lui si SFORZI, non ottiene buoni risultati.

Ecco il congiuntivo presente delle 3 coniugazioni dell’italiano:

AREcantare EREvedere IREsentire IREfinire
che io canti che io veda che io senta che io finisca
che tu canti che tu veda che tu senta che tu finisca
che lui, lei canti che lui, lei veda che lui, lei senta che lui, lei finisca
che noi cantiamo che noi vediamo che noi sentiamo che noi finiamo
che voi cantiate che voi vediate che voi sentiate che voi finiate
che loro cantino che loro vedano che loro sentano che loro finiscano
Il congiuntivo verbi regolari

Il congiuntivo dei verbi regolari

Ecco il congiuntivo presente di alcuni verbi irregolari e utili:

ESSERE AVERE
che io sia che io abbia
che tu sia che tu abbia
che lui, lei sia che lui, lei abbia
che noi siamo che noi abbiamo
che voi siate che voi abbiate
che loro siano che loro abbiano

ANDARE: vada, vada, vada, andiamo, andiate, vadano;
BERE: beva, beva, beva, beviamo, beviate, bevano;
DARE: dia, dia, dia, diamo, diate, diano;
DIRE: dica, dica, dica, diciamo, diciate, dicano;
DOVERE: debba, debba, debba, dobbiamo, dobbiate, debbano;
FARE: faccia, faccia, faccia, facciamo, facciate, facciano;
POTERE: possa, possa, possa, possiamo, possiate, possano;
RIMANERE: rimanga, rimanga, rimanga, rimaniamo, rimaniate, rimangano;
SALIRE: salga, salga, salga, saliamo, saliate, salgano;
SAPERE: sappia, sappia, sappia, sappiamo, sappiate, sappiano;
STARE: stia, stia, stia, stiamo, stiate, stiano;
TENERE: tenga, tenga, tenga, teniamo, teniate, tengano;
USCIRE: esca, esca, esca, usciamo, usciate, escano;
VENIRE: venga, venga, venga, veniamo, veniate, vengano;
VOLERE: voglia, voglia, voglia, vogliamo, vogliate, vogliano.

Congiuntivo verbi irregolari

Il congiuntivo dei verbi irregolari

!!! Se il soggetto è lo stesso (nella principale e nella subordinata) si usa l’infinito al posto del congiuntivo.
Es.:
Penso di essere pronto per l’esame.
Tu non credi di essere abbastanza preparato.

Il congiuntivo

Inizio

Congratulazioni - hai completato Il congiuntivo.

Hai totalizzato %%SCORE%% su %%TOTAL%%

La tua performance è stata valuatata come: %%RATING%%


Your answers are highlighted below.
Ritorno
Gli elementi ombreggiati sono completi
12345
FIne
Ritorno

Nella sezione dedicata ai libri potete trovare un’ironica lettura sul congiuntivo italiano tratta dal romanzo di Gesuino Némus (pseudonimo letterario di Matteo Locci), La teologia del cinghiale. 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>