A proposito

A proposito di Made in Italian

Made in Italian è un progetto che nasce dall’incontro tra il personale desiderio di chi scrive di insegnare la lingua italiana e trasmettere la propria cultura, e il desiderio di tutti coloro che vogliono imparare la lingua e conoscere meglio la società italiana.

Made in Italian è un gioco di prole tra l’internazionale Made in Italy e le moderne tecniche di apprendimento di una lingua straniera, basate sul “fare” pratico (“saper fare lingua”, “saper fare con la lingua”), oltre che sullo studio teorico (“sapere la lingua”): project work, task, Total Physical Response, ecc.

Made in Italian si sviluppa su due livelli: il sito web e i corsi privati.

Il sito

Sul sito web è possibile seguire l’evoluzione della lingua italiana, trovare le risposte a tanti dubbi e domande sull’uso dell’italiano, svolgere esercizi di grammatica e sviluppare le abilità di lettura, ascolto e comprensione dei testi.
Testi, esercizi e risposte alle domande più frequenti sono autentici e sempre legati a un contesto reale, al fine di riprodurre un ambiente di apprendimento spontaneo e naturale per tutti gli utenti.
Proprio grazie alla scelta di testi autentici, inoltre, ci si può meglio avvicinare alla cultura e alla società italiane.

I corsi

I corsi di lingua e cultura italiana sono personalizzati e come tali mirano a raggiungere direttamente obiettivi concreti, risparmiando tempo ed energie. Ogni alunno può dirigere l’insegnante sul soggetto al quale è principalmente interessato e collaborare con lui per realizzare un progetto individuale.
I corsi proposti riguardano tutti i livelli di apprendimento e una vasta gamma di tematiche tra cui la linguistica, la letteratura, l’arte, la musica, la cucina, il turismo, la storia, l’architettura e la scienza politica.

A proposito di me

Mi presento: mi chiamo Gina, sono italiana ed ho 29 anni.

Dopo aver compiuto studi classici durante il liceo, mi sono laureata in Lettere Moderne alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna. In seguito, mi sono specializzata in Lingua e cultura italiana e Civiltà letterarie presso la medesima università. La laurea in Civiltà letterarie mi ha permesso di contestualizzare la cultura italiana all’interno delle vicine europee.

Ho poi collaborato con l’Ufficio Orientamento agli studenti dell’Università di Forlì e contestualmente insegnato italiano come assistente nei corsi di italiano per stranieri dell’associazione Laboratorio Mondo di Forlì.
Il pubblico di questi primi corsi era vario per età (dai 18 ai 50 anni), per provenienza (Americhe, Africa, Asia e Europa) e per obiettivi (alfabetizzazione, grammatica, conversazione, interazione). Anche se le motivazioni degli alunni erano molto differenti tra loro (ricongiungimento familiare, studi superiori, lavoro), li accomunava la voglia di imparare a comunicare e interagire in italiano, il desiderio di integrarsi con la popolazione locale e il piacere di conoscere la lingua e il paese di arrivo.

La mia seconda esperienza di insegnamento si è svolta nella scuola superiore per commercianti Vienna Business School di Moedling, in Austria.
Gli alunni, di madrelingua tedesca, avevano un’età compresa tra i 14 e i 19 anni.
I corsi, essendo all’interno della programmazione scolastica, prevedevano una grande riflessione grammaticale, ma anche giochi di ruolo e simulazioni: redigere una lettera di presentazione o di motivazione, candidarsi per un lavoro, scrivere il proprio cv e lettere commerciali, sostenere colloqui di lavoro – anche telefonici – e dibattiti su temi vari (attualità e società italiana e austriaca a confronto).
Tra le attività extrascolastiche ho tenuto un corso di italiano base per il corpo docente e il direttore della scuola, nonché corsi di recupero per gli studenti più carenti e un club linguistico per gli studenti più avanzati.
La Vienna Business School, fondata dalla Camera di Commercio, è una scuola molto attiva in Bassa Austria, e questo mi ha permesso di preparare i candidati per il concorso linguistico regionale, di partecipare alla formazione e agli aggiornamenti per i futuri insegnanti di italiano, di curare i gemellaggi con l’Italia: ospitare la scuola partner di Velletri e gestire gli scambi epistolari col Laboratorio Mondo, di Forlì.

A Bruxelles, in Belglio, collaboro con la scuola Lerian-Nti all’interno della formazione professionale linguistica. Ho tenuto corsi di italiano di livello base e intermedio per professionisti del lavoro, singoli candidati e classi.
Avere di fronte a sé studenti adulti è appagante perché questi ultimi sono fortemente motivati ad apprendere la lingua e possiedono un elevato livello culturale, una “conoscenza del mondo” molto più completa rispetto a bambini e adolescenti, e in molti casi hanno già sviluppato il metodo di apprendimento a loro più congeniale.
Allo stesso tempo la sfida per il docente consiste nell’essere sempre all’altezza delle aspettative di alunni molto esigenti, di saperli coinvolgere e divertire senza mai essere banali.

Continua

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>